SOCIAL
 

chiesa Tag

[email protected] in irpinia          

 

PAESAGGI ALTIRPINI

S.Maria del Monte e S.Francesco a Folloni a MONTELLA (av) l'appuntamento è confermato alle  9.30,  sul piazzale antistante il Convento di San Francesco a Folloni, Montella (AV).  >>> da Avellino, Ofantina bis - uscita Montella; subito allo svincolo seguire le indicazioni per Bagnoli Irpino, per un paio di km.  _ Alle 10 ci sposteremo per arrivare al Castello del Monte. _  VISITA GUIDATA con il team di progettazione e direzione dei lavori, Arch. Giovanni Villani, Geom. Carlo Sica e Dr.ssa Nunzia Muollo della Soprintendenza BAPPSAE di Avellino e Salerno. _ Il grande complesso monumentale CASTELLO - MONASTERO - CHIESA apre una sola volta all’anno, nella prima settimana di agosto per la festa della Madonna della Neve. 

EDUARDO ALAMARO ha deciso di intraprendere un viaggio-inchiesta nell’ IRPINIA del dopo-terremoto. Si è ricostruito tanto … hanno lavorato le grandi firme nazionali dell’architettura … i risultati ? Non se ne è mai parlato, una sorta di rimozione “culturale”. La PresS/Tletter di questa settimana (n. 20- 2007), che ricordo in Italia è letta da circa 50.000 professionisti, tecnici e non, ed ha una diffusione superiore sia a molti quotidiani che a tante riviste di settore patinate e stampate, ha deciso di seguire ALAMARO in questo viaggio. La prima tappa è LIONI dove ho accompagnato Eldorado insieme a Rino Sorrentino che qui saluto; il resoconto segue in evidenziato. Prossimo reportage su PresS/Tletter: TEORA. Sabato 16 giugno dovremmo essere a Conza e Bisaccia con pausa pranzo da “zi Luigi”; chi vuole partecipare risponda alla presente. Se vi annoio con le mie mail scrivetemelo. Saluti affettuosi, angelo verderosa PresS/Tletter n. 20- 2007 http://www.prestinenza.it/ http://presstletter.com/ Nella rubrica INTERMEZZO, Edoardo Alamaro ci parla di: La scossa scassa / 1 (un giorno da Lioni) Che domenica indimenticabile, santificata al Signore delle scosse, al Dio tellurico che tutto move & Smove. La scossa scassa e poi si batte cassa! Sono infatti di nuovo nell’Irpinia post/sismica, la post/Irpinia nata dalla “grande botta” del 23 novembre 1980 (e chi se la